Ti piacciono gli articoli del nostro blog?
Scrivici
Home / Blog
Home / Blog / Media Advertising / 4 cose da fare prima di dare il via ad una campagna di Paid Advertising.
26 marzo 2018

4 cose da fare prima di dare il via ad una campagna di Paid Advertising.

Stai muovendo i tuoi primi passi nel mondo del paid adv? Ecco le best practices che ti permetteranno di ottenere un ritorno concreto dalle tue campagne.

Le campagne Paid Advertising sono un ottimo modo per ottenere traffico qualificato da indirizzare verso il tuo sito, in tempi brevi.

Il problema è che spesso chi si avvicina per la prima volta a questo strumento lo fa in modo superficiale: apre un account, crea delle inserzioni che portano alla homepage del suo sito, scegli alcune keyword e dà il via alla campagna.

Con un approccio simile si rischia di spendere molto per poi non avere un ritorno concreto in termini di traffico qualificato e, quindi, di conversioni.

In questo articolo vedremo insieme alcuni accorgimenti da mettere in pratica per poi lanciarti nella tua prima campagna Paid Advertising e ottenere il massimo risultato dal tuo investimento.

Predisponi un sistema per la misurazione delle performance

4 cose da fare_01

Senza un modo per controllare come stanno andando le tue inserzioni, si rischia di vanificare tutti gli sforzi fatti per il successo della campagna.

Uno dei principali vantaggi dell’advertising online è dato proprio dalla possibilità di poter monitorare con esattezza le performance delle tue campagne.

Google Analytics è un sistema di tracciamento gratuito e facile da installare. Se ancora non lo utilizzi, puoi consultare questa guida per la configurazione di Google Analytics e iniziare a prendere familiarità con questo strumento.

Ricorda che è fondamentale tracciare non solo le impression e i clic, ma anche le conversioni per ciascuna inserzione.

Crea Landing Page ad hoc

È necessario che l’utente venga indirizzato ad una Landing Page coerente con il contenuto dell’inserzione su cui ha cliccato, piuttosto che sulla homepage del sito.

Questo perché:

  • Una Landing Page consente un livello di personalizzazione più alto, perché in grado di rispondere in modo più specifico al bisogno espresso dall’utente con la query di ricerca.
  • Ogni Landing Page ti consente di spingere l’utente verso un’azione specifica (compilare un form, scaricare un contenuto, fare un acquisto…)
  • Le Landing Page permettono di tracciare i tuoi visitatori molto più facilmente: potresti creare una Landing Page di riferimento per una singola campagna, oppure addirittura una per ogni keyword.

È dunque preferibile avere più Landing Page, ciascuna riferita ad un’esigenza specifica, alle quali indirizzare gli utenti che cliccano sulla relativa inserzione.

Individua le keywords su cui investire

pexels-photo-267401

Individua quali sono le keyword rilevanti rispetto alla Landing Page a cui indirizzeranno le inserzioni. Quello della rilevanza è un aspetto fondamentale: se l’utente arriva in una pagina in cui non trova contenuti pertinenti con ciò che ha attirato la sua attenzione, probabilmente la abbandonerà. Assicurati prima di tutto che i contenuti della tua Landing Page rispondano al bisogno dell’utente, per poi selezionare di conseguenza le keyword più appropriate.

Uno strumento che può aiutarti nella selezione delle parole chiave è Google AdWords KeyWords Planner, che può mostrarti le parole chiave relative al tuo business, i trend, i volumi di ricerca, la competizione, l’offerta costo per clic. Il tool prevede anche la possibilità di redigere un piano con previsioni di investimento e possibile ritorno in termini di visualizzazioni degli annunci e clic.

Ricorda che non sempre è una buona strategia investire esclusivamente sulle keyword che attirano più traffico, che solitamente sono anche le più costose. Puntare anche su parole chiave “di coda lunga”, che presentano volumi di ricerca meno consistenti, ti dà la possibilità di intercettare un traffico più specifico e potenzialmente più propenso a convertire. Gli utenti che utilizzano più termini in una query di ricerca infatti, potrebbero trovarsi in una fase del Customer Journey più avanzata, e quindi più vicini a quella di conversione.

Ad esempio, la keyword “social media marketing” è in grado di attrarre sicuramente più ricerche di “corso social media marketing serale per adulti a Milano”; se però la seconda keyword è pertinente con la tua offerta, utilizzarla ti darà più possibilità di mostrare l’inserzione a utenti effettivamente interessati al corso che tieni a Milano, e non a un libro sul tema o ad un’agenzia che si occupa di social media marketing.

Definisci un budget per il lungo periodo

Considera che è più facile iniziare a vedere i benefici di un'attività paid dopo un certo periodo. Sono necessari del tempo e delle revisioni prima di riuscire ad ottenere dei buoni risultati. Più dati raccoglierai sulle performance delle tue campagne, più migliorerai la tua efficacia nel programmare i prossimi passi della strategia.

Ricordati quindi di allocare il tuo budget su un periodo di tempo esteso, per non rischiare di dover interrompere le tue campagne prima che abbiano iniziato a rivelarsi efficaci.

Media Advertising | 26 marzo 2018

mockup-paid-adv.png

Paid Advertising: tutti i canali che puoi utilizzare per incrementare vendite e lead.

Guida

Scarica la Guida

Boraso è la prima agenzia full service in Italia di Conversion Marketing specializzata in Conversion Optimization, UX Design, SEO, Media Advertising, eCommerce Magento, e sviluppo di siti web con obiettivi di conversione.

Condividi articolo su:

Ti piacciono gli articoli del nostro blog?

Resta in contatto con noi e ti informeremo anche sui nostri eventi e convegni.

Oppure chiama il Numero Verde 800.947.500